Immagine non trovata

Buonasera cari Cliviesi, vi scrivo per aggiornarvi sulla situazione nel nostro paese.

Settimana scorsa vi avevo comunicato che un nostro concittadino era stato posto in “quarantena fiduciaria” unitamente alla sua famiglia. Negli scorsi giorni ha effettuato il tampone ed è risultato positivo al Covid-19.
Oggi l’ho contattato telefonicamente e mi ha confermato di non avere sintomi rilevanti ed è già in via di guarigione.
Porto a lui e alla sua famiglia i saluti della cittadinanza e i miei più sinceri auguri di una rapida e totale ripresa. Sono inoltre contento del suo buono stato di salute; questo ci invita tutti a non demordere, a non abbassare la guardia continuando a rispettare le normative rimanendo al proprio domicilio ed evitando spostamenti inutili.

Ieri mattina sono stato contattato da una signora residente nel nostro Comune la quale mi ha informato di essere stata posta in “quarantena fiduciaria” dal proprio medico di base in quanto ha avuto un contatto, seppur di breve durata, con il figlio che ha iniziato a manifestare sintomi di Coronavirus nei giorni successivi.
Il figlio, anch'esso residente a Clivio, dal suo rientro dall'estero si trova in un altro Comune ed è in "quarantena fiduciaria".

Chiedendo del loro stato di salute mi sono sentito rincuorato dal sapere che entrambi sono in buone condizioni, porto anche a loro gli auguri di pronta guarigione augurandogli di potersi ricongiungere il prima possibile.

Vorrei ora fare delle considerazioni.

Sono stato informato e mi sono giunte voci che in paese si sta diffondendo la teoria che più di un Cliviese è ricoverato in Ospedale per Covid-19.
Oltre ad essere contrariato, mi permetto di SMENTIRE CATEGORICAMENTE queste cosiddette “voci di paese” e invito tutti a fare il possibile per non creare panico tra i cittadini evitando di diffondere false affermazioni.
Parlare di nostri compaesani vociferando informazioni quasi sempre errate, o quanto meno evitabili ed inutili, non aiuta ad uscire da questo difficile momento storico che stiamo vivendo. Anche il fattore psicologico è importante per superare INSIEME ogni difficoltà, per fare questo serve l'aiuto di TUTTI. Serve consapevolezza dei nostri comportamenti e delle scelte che facciamo le quali possono mettere a rischio la nostra salute e quella di chi ci è vicino.

Ora è il tempo di pensare al bene di tutti collaborando il più possibile per fermare la diffusione del virus.

Restiamo in casa, aiutiamo chi è in difficoltà rispettando le norme igieniche e di distanziamento sociale soprattutto a riguardo degli anziani, concentriamo le uscite il più possibile per evitare affollamenti presso i supermercati o in paese.

Come Sindaco sono vicino a tutti Voi e sempre a Vostra disposizione per qualsiasi esigenza, come me tutta l’Amministrazione e i dipendenti Comunali.

πΆπ‘œπ‘› π‘π‘Ÿπ‘œπ‘“π‘œπ‘›π‘‘π‘Ž π‘ π‘‘π‘–π‘šπ‘Ž
𝐼𝑙 π‘†π‘–π‘›π‘‘π‘Žπ‘π‘œ π‘ƒπ‘’π‘π‘π‘–π‘›π‘œ πΊπ‘Žπ‘™π‘™π‘–

Clivio, 18 aprile 2020

Ultimo aggiornamento

Martedi 30 Giugno 2020