Covid-19, nuovo DPCM del 4 novembre 2020: tutte le RESTRIZIONI e modello di AUTOCERTIFICAZIONE

Il premier Giuseppe Conte ha firmato il nuovo DPCM in vigore da venerdì 6 novembre 2020, che istituisce un regime di chiusure differenziate a seconda della fascia di rischio contagio alla quale appartiene ogni Regione

Data:
05 Novembre 2020
Immagine non trovata

Il provvedimento, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.275 del 4 novembre 2020, sarà in vigore da venerdì 6 novembre a tutto il 3 dicembre 2020, sostituisce integralmente il DPCM 24 ottobre 2020 e prevede la suddivisione del paese in tre aree (rossa, arancione, gialla) a seconda dello scenario di rischio, individuato dal CTS (Comitato tecnico scientifico del Governo) in base a: indice di contagiosità RT, saturazione delle terapie intensive, disponibilità dei posti letto in ospedale, numero di tamponi effettuati, ecc.

Di seguito il dettaglio per quanto riguarda la REGIONE LOMBARDIA che si colloca in ZONA ROSSA:

  • vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dalla Regione e anche all’interno del territorio stesso (sempre salvo necessità e urgenza).
  • chiusi i negozi al dettaglio, tranne alimentari, farmacie, edicole; chiusi i mercati di generi non alimentari;
  • chiusa l’attività di bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie: resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio, nonché fino alle ore 22:00 la ristorazione con asporto
  • sospese le attività sportive, anche svolte nei centri sportivi all’aperto;
  • consentito svolgere individualmente attività motoria (passeggiate) in prossimità della propria abitazione;
  • consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto ed in forma individuale;
  • attività scolastica in presenza per scuola dell’infanzia, elementare e prima media.
In allegato è disponibile l’infografica del Governo con tutte le misure riepilogate per area.

AUTOCERTIFICAZIONE

Ecco il modulo per autocertificare il proprio stato di salute e le ragioni dello spostamento nei territori da motivare con «comprovate esigenze lavorative», oppure «motivi di salute» oppure «altri motivi ammessi dalle vigenti normative» dopo l’entrata in vigore del Dpcm del 4 novembre.

Il modulo è scaricabile ed editabile direttamente dal pdf CLICCANDO QUI e va esibito in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine.

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 18 Novembre 2020